La Profezia dei Cancelli

Il Primo Concilio dei Cancelli

In cui si tiene a Nuln una riunione dei nemici del Caos

Il 7 agosto del 2505 il Primo Concilio dei Cancelli si apre a Nuln, all’interno dell’Università e della magione di Oldenhaller che pubblicizza ampiamente il suo mecenatismo della causa (senza peraltro essersi consultato con Gelmir, che avrebbe tenuto un profilo un po’ più basso).
Sono presenti alcuni tra i più grandi eroi e saggi dei Popoli Liberi, tra cui:
- Gelmir, l’organizzatore
- Anguissh, mago Slann e Gran Teogono di Quesshan
- Kâr Tholôn, Sapiente Nanico da Rupe Nera
- Galanthilion Haramar, mago e sapiente elfico, portavoce di Palandir VII re di Hoeth e Alto Mago della Torre della Magia
- Quikk, alchimista Skaven alle dipendenze di Oldenhaller
- Gotek Ericsson, sapiente Vichingo seguace della Legge
- Gwendolyn, campionessa di Arianka, con un seguito di preti della divinità

Gelmir rivela ai presenti la completezza della Melodia e la Profezia degli Spettri Slann. Si stabiliscono, dopo molte liti, le modalità del rito per restringere i Cancelli. Galanthilion, Kâr Tholôn e Quikk partiranno per la Lustria con Anguissh per esaminare la terza delle fortezze Slann; Gelmir, Gwendolyn e dei Templari d’Arianka cercheranno l’ultima chiave, e Ossian. Si delibera inoltre di chiamare a consiglio dei rappresentanti Astartiani e il Druido Fogliasecca; Gelmir consegna ad Anguissh una lettera per Syssghar, in cui invita a Nuln per assaggiare la cucina del Convivio lui e, magari, uno dei suoi amici buongustai del “club della torta”.

Comments

Lanfranch Lanfranch

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.